PROGETTI EDUCATIVI

Buona parte dei proventi che abbiamo raccolto con le edizioni di Note al Crepuscolo sono stati destinati a progetti educativi per sostenere asili e scuole nei villaggi della Valle dello Yovi in Tanzania. La ricchezza più grande di questa terra, infatti, sono i giovani e “Auto liberation for Africa”, il motto della scuola fondata da P. Riccardo, esprime ciò che anche noi crediamo: soltanto attraverso le nuove generazioni questo paese ricco di bellezza potrà rinascere.

UN POZZO PER KINGOLWIRA

Grazie ai fondi raccolti con il calendario 2016 “Passo dopo Passo” e parte dei proventi dell’evento Note al Crepuscolo siamo riusciti a portare a termine la costruzione del pozzo nel villaggio di Kingolwira; ora tutti gli abitanti potranno usufruire gratuitamente dell’acqua delle fontanelle.
Realizzare questo sogno insieme è stata un’esperienza indimenticabile, grazie di cuore a tutti voi!

 

UNA SCUOLA PRIMARIA PER I BAMBINI DI TUNGHI

Suor Lucia Santavenere, della congregazione delle suore del SS Sacramento, proveniente da Morogoro – Tanzania, opera da 13 anni nella terra d’Africa, dove risiedono le due comunità delle sue Suore.

A Kilakala esse, da qualche anno, curano una scuola per l’infanzia che raccoglie 120 bambini. Ad essi le suore offrono un ambiente sereno e sicuro dove apprendere i primi elementi scolastici, nel frattempo vi trovano anche assistenza igienico-sanitaria che si estende anche alle famiglie più povere presso le quali le suore si recano regolarmente per portare un aiuto e seguire più da vicino i bambini malati o in altre difficoltà. Un pasto giornaliero, consistente in una tazza di uji (polentina bianca zuccherata) chiude la mattinata scolastica. Molti genitori, ci ha detto suor Lucia, mandano i propri figli per assicurare loro il pasto giornaliero e, tanti bambini, usciti dalla scuola a fine ciclo, si presentano ancora per avere una porzione di uji.

Per assicurare una certa continuità scolastica, anche dietro richiesta dei genitori dei bambini, le suore hanno pensato di costruire una scuola primaria nel villaggio di Tungi. Tutte le pratiche finalmente sono state approvate e si spera in un imminente inizio dei lavori. Le leggi per aprire una scuola primaria privata in Tanzania prevedono un inizio con almeno 4 classi, per accogliere un numero massimo di 30 bambini per classe, 10 bagni per gli alunni, una sala insegnanti, un ambiente più ampio per le riunioni collettive e tutti gli altri annessi.

Tale progetto, accolto con entusiasmo dagli organizzatori di Note al Crepuscolo, sarà realizzato grazie ai proventi della IV edizione dell’evento.

Il nostro impegno nel concreto consiste nel fornire le quattro aule degli arredi necessari alle attività scolastiche, nell’acquisto dei sanitari per i 10 bagni destinati agli alunni e la loro posa in opera da parte di un membro del gruppo Hodi Hodi già amico delle suore Sacramentine; inoltre ci occuperemo anche dell’impianto idraulico ed elettrico della struttura.

 

POUPONNIERE DI AYAMÈ

Grazie ai proventi di Note al Crepuscolo V edizione abbiamo sostenuto la Pouponnière Shalom Soua (Casa della Pace) è una casa che si trova ad Ayamé, in Costa d’Avorio. Essa accoglie una sessantina di bambini nati orfani, sieropositivi o malati, accudendoli nei primi tre anni di vita e curandone il reinserimento in famiglia o l’adozione se la famiglia non è più in grado di occuparsene. La direzione della casa è gestita da Emy, che si avvale interamente di personale locale comprendente personale amministrativo, educatrici, cuoche, addetti alla lavanderia, operatrici e operatori che accudiscono bambini 24 ore su 24. La Pouponnière opera in stretta collaborazione con la direzione per la protezione dell’Infanzia del Ministero della Solidarietà, Famiglia, Donna e Infanzia della Costa d’Avorio. L’obiettivo è quello di fare da vera e propria famiglia per i piccoli ospiti, che vengono curati e accuditi in tutte le loro necessità di crescita, nutrizione, educazione, gioco, socializzazione, salute. In particolare, ai bambini nati sieropositivi viene applicato il protocollo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità perché possano diventare sieronegativi entro i due anni di vita. I bambini malati vengono sottoposti alla terapia appropriata, quelli orfani o rimasti senza la mamma vengono accuditi e cresciuti in vista del loro reinserimento in famiglia, se ancora ne hanno una, oppure dell’adozione da altra famiglia locale se completamente soli. In alcuni casi, la Pouponnière continua a dare un contributo anche ai bambini che hanno già lasciato la struttura e la cui famiglia è povera, perché possano andare a scuola e avere accesso alle cure.

CENTRO SANITARIO DI MSANGE

Con i proventi di Note al Crepuscolo VI edizione intendiamo sostenere il progetto “Haba na haba” in swahili  “goccia a goccia”. Il progetto consiste nella realizzazione, adiacente al Centro sanitario di Msange, di un centro per il contrasto della lebbra e della tubercolosi: il centro verrà tenuto separato dal punto di vista edilizio rispetto agli edifici del piccolo
ospedale. Verrà così ricavata una struttura con reception, ambulatori, laboratori, ambulatorio radiologico, stanze per brevi degenze femminili e maschili, bagni. Per le attività di ristrutturazione/costruzione verrà impiegata una impresa locale, i cui operai saranno affiancati, specie nella fase di avvio e impostazioni lavori, da alcuni volontari a titolo benevolo di ABCS del gruppo di Caorle (VE), che tradizionalmente affiancano gli Stimmatini in Tanzania. Il centro verrà dotato degli arredi e soprattutto delle attrezzature mediche necessarie, in particolare una strumentazione radiologica all’avanguardia, che è essenziale nella diagnostica della tubercolosi. Data la disponibilità di corrente elettrica e connessione a internet, la radiologia avrà la possibilità di inviare immagini radiologiche da remoto, per avere consulenza anche da parte di medici italiani. Parallelamente, verranno realizzate le attività di formazione del personale medico e infermieristico locale, verrà inserito in organico un tecnico radiologo e verrà monitorato l’accesso dei pazienti alle terapie.